Venerdì 17 Agosto 2018 | 07:21

2 AGOSTO 1980: 38 ANNI DOPO, CARPI RICORDA TINO LUGLI

Il vicesindaco di Carpi Simone Morelli si è recato, questa mattina, sulla tomba di Umberto Lugli, detto Tino, una delle 85 vittime della strage del 2 agosto 1980


Non solo Bologna; anche Carpi fu tragicamente colpita dalla follia omicida che portò alla strage della stazione di Bologna il 2 agosto 1980. Il carpigiano Umberto Lugli, detto Tino, era in stazione alle 10.25 di quel giorno assieme alla fidanzata Carla Gozzi, trentaseienne di Concordia e deceduta in seguito in ospedale. La bomba a tempo contenuta in una valigia abbandonata nella sala d'aspetto di seconda classe, non gli lasciò scampo così come ad altre 84 persone, la più piccola delle quali aveva solamente tre anni, e causando duecento feriti. Una quotidianità spezzata, dopo la quale la famiglia Lugli non è più stata la stessa. Mentre l’Assessore Stefania Gasparini si è recata a Bologna per presenziare alla cerimonia ufficiale, il Vice Sindaco di Carpi Simone Morelli ha deposto un cesto floreale sulla tomba di Tino, che riposa al Cimitero urbano, in un momento di raccoglimento, memoria e riflessione.

Nel video le interviste a:

- Carlo Alberto Lugli, fratello della vittima

- Simone Morelli, vicesindaco di Carpi

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche