Sabato 17 Novembre 2018 | 03:33

EX MERCATO BESTIAME, IL DEGRADO DILAGA SENZA RISPOSTA

Ancora senza risposta le denunce e la richieste di intervento di cittadini e forze politiche, al comune rispetto alla situazione di degrado e di insicurezza nell’area dell’ex mercato bestiame. Baraccopoli, bivacchi e occupazioni abusive continuano, anche nell’area comunale


Gli appelli rivolti all'amministrazione comunale da parte del consigliere comunale di Art 1 Mdp, Walter Stella e del commissario cittadino della Lega Luca Bagnoli nell'ambito della trasmissione Detto e non Detto si aggiungono a quelli dei cittadini. Appelli arrivati negli anni e rinnovati in queste ultime settimane anche in consiglio comunale e portati sul tavolo del sindaco, relativi allo stato di insicurezza e degrado in cui versa l’area sia pubblica che privata dell’ex mercato bestiame compresa oggi nel piano periferie. Appelli ormai corali che non hanno ancora ricevuto risposta. La situazione all’interno dell’area da oltre 50.000 metri quadrati abbandonata dagli anni 2000 sia dal Comune sia dalle cooperative di costruzioni e oggi abitata si fa per dire da spacciatori, tossicodipendenti senza fissa dimora non è cambiata, nonostante le denunce che hanno raggiunto l’amministrazione attraverso ormai tutti i canali social, televisivi, politici ed istituzionali. Dopo che sul degrado della zona che da 20 anni attende una riqualificazione si è riaccesa l’attenzione richiamata dai residenti e del locale comitato e dalle forze politiche di maggioranza e opposizione. Oggi un nostro sopralluogo conferma che la situazione non è cambiata. Il cantiere del cosiddetto rotore che da simbolo di riqualificazione si è trasformato in simbolo del degrado, continua ad essere pieno di giacigli di fortuna, mentre l’area di pertinenza occupata da baracche stanziali. Immagini di degrado, di abbandono di totale assenza di regole e di controlli, anche nella messa in sicurezza delle aree di quelli che un tempo erano cantieri, immutate da 15 anni. Comprese quelle comunali, ormai indistinte da quelle private dalla vegetazione spontanea che si è fatta strada tra le macerie. Qui siamo lungo il viale centrale dell’ex mercato bestiame dove dovrebbe sorgere il Data Center, e dove sono accumulate ancora le macerie delle demolizioni dell’inizio degli anni 2000. Qui in questi giorni per accedere all'area e nella palazzina comunale da anni occupata abusivamente gli avventori hanno abbattuto anche le reti di recinzione dove il degrado dilaga ancora senza risposta

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche