Domenica 20 Agosto 2017 | 08:07

CAMERA COMMERCIO, LA 'MACCHINA' COSTA 8 MILIONI ALL'ANNO

La Camera di commercio di Modena ha 65 dipendenti assunti a tempo indeterminato che costano 3 milioni e 700mila euro, una cifra alla quale si sommano i 4 milioni e 355mila euro di spese di funzionamento di Giuseppe Leonelli


Dopo l'addio alla fusione con Ferrara (che ha preferito Ravenna) e in attesa della tanto sospirata riforma del sistema camerale, per la Camera di Commercio di Modena presieduta da Giorgio Vecchi è tempo di bilanci. Se lo scorso anno il buco da 641mila euro per investimenti legati a Expo costò il posto allo storico presidente Maurizio Torreggiani (già caduto in disgrazia per la scalata fallita alla Cna nazionale), oggi è interessante tracciare il quadro delle spese legate al funzionamento dell'ente di via Ganaceto. 

Stando al bilancio preventivo 2017 pubblicato di recente, la Camera di commercio di Modena ha 65 dipendenti assunti a tempo indeterminato per pagare i quali quest'anno l'ente prevede di spendere 3 milioni e 700mila euro, una cifra alla quale si sommano i 4 milioni e 355mila euro di spese di funzionamento, 139mila dei quali vanno per compensi agli organi istituzionali (al presidente Vecchi va un gettone di 520 euro a seduta di consiglio e di 390 a seduta di giunta). Una macchina quindi che costa oltre 8 milioni di euro all'anno.

Dal punto di vista dei dirigenti la Camera di commercio di Modena ha 4 responsabili d'area (Daniele Marra, Elena Sacchi, Paola Morzacchini e Vincenzo Passaro) e due dirigenti. Il segretario generale Stefano Bellei nel 2016 ha dichiarato un reddito record pari a 201.168 euro mentre il suo vice Massimiliano Mazzini ha dichiarato 92.491 euro. Bellei, terzo dirigente pubblico con reddito più alto in Provincia, è segretario camerale dal 2007 e vicesegretario dal 1997.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche