Giovedì 08 Dicembre 2016 | 08:50

MASERATI: LE VENDITE AUMENTANO MA I PROBLEMI RESTANO

A febbraio immatricolazione in crescita in Italia ed Europa. A Modena però la cassa integrazione continua a preoccupare i lavoratori


La scorsa settimana la presentazione del primo Suv della famiglia, il Levante, oggi la notizia di vendite che continuano ad aumentare. Ma i problemi restano, in casa Maserati. La cassa integrazione cui si sta facendo ricorso sia nello stabilimento torinese di Grugliasco sia in quello di via Ciro Menotti a Modena non è certo indice di buona salute. E che il futuro del Tridente sia sempre in terra geminiana è uno scenario sempre più a rischio. Ma intanto, la casa guidata (non si sa ancora per quanto) da Harald Wester festeggia l’ennesimo incremento dei volumi commerciali. Febbraio 2016 è stato chiuso con un +9% sul mercato italiano e con crescite a doppia cifre in tutti gli altri principali Paesi europei. La ricetta elaborata da Marchionne, che prevedeva di abbassare i prezzi per competere con Bmw, Audi e Mercedes, sta funzionando sotto il profilo dell’appeal sui clienti, ma sta anche abbassando di molto i ricavi, o per lo meno non li sta mantenendo sui livelli che ci si attendeva a questo punto del piano di rilancio del marchio. La produzione ne risente e così ecco il ricorso alla cassa integrazione per gli operai. Se la situazione non è buona per le tute blu di Grugliasco, dove comunque si producono le vetture di punta del Tridente, a Modena il cielo è nero sulla fabbrica di via Ciro Menotti: le auto che vengono assemblate qui sono sempre più marginali nei disegni del grande capo Marchionne.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche