Lunedì 05 Dicembre 2016 | 03:20

CODACONS: SCOUT SPEED FUORI LEGGE

Secondo l’associazione sono diverse le irregolarità. A Modena sono già una decina i ricorsi in atto


Sul banco degli imputati finisce anche nel nostro territorio lo Scout Speed, l'autovelox che misura la velocità di un veicolo inquadrando ‘frontalmente’ il mezzo. L’associazione Codacons di Modena negli ultimi tempi è stata presa d’assalto da automobilisti, già una decina i ricorsi in atto, poco convinti sulla sanzione ricevuta. Il sistema di rilevazione di velocità è utilizzato a Formigine, Sassuolo e Maranello: le forze dell’ordine sono dotate di un monitor sulla vettura, in cui selezionano il limite di velocità , in modo da rilevare le auto che lo superano, scattando l’immagine della targa e segnalando il luogo dove è stata scattata. Un sistema che sta facendo molto discutere, con diversi automobilisti che hanno deciso di opporsi alla multa: sono infatti già diverse le sentenze che hanno annullato la sanzione, sia per la mancata segnaletica sulla presenza del dispositivo sia per l’invio della foto frontale, ma anche per la violazione della privacy.

Secondo il Presidente Codacons di Modena Fabio Galli, utilizzando lo Scout Speed senza fermare le automobili che sfrecciano sulla strada non si fa prevenzione e si è in due a sbagliare: cittadino e Comune.


Ai nostri microfoni Fabio Galli, Presidente del Codacons di Modena

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche