Domenica 04 Dicembre 2016 | 19:20

BPER ACCETTA ASSEGNO FALSO: IMPRENDITORE PERDE 40MILA EURO

L’episodio a Teramo. Il cassiere della Popolare aveva garantito al cliente che l’assegno era buono: quattro giorni dopo la doccia fredda


La Bce che vuole vederci chiaro sui conti, un risparmiatore di Sassuolo da risarcire con 80mila euro e, ora, un’altra grana con un cliente che si sente tradito. Sono giorni difficili per la Banca Popolare dell’Emilia-Romagna. L’ultimo episodio arriva da Teramo, dove un imprenditore ha perso 40mila euro per colpa di un assegno fasullo, scambiato dalla banca per regolare.

La vicenda – raccontata dal quotidiano abruzzese Il Centro – risale all'agosto scorso. Siamo a Tortoreto, provincia di Teramo. Nel deposito della Lanciotti, società di distribuzione di bevande, si presenta un camionista che deve caricare merce per 40mila euro: l’uomo dà in pagamento un assegno circolare della Cariparma. Prima di sbloccare il carico, il titolare, Nicolò Lanciotti, va nella vicina filiale della Bper – di cui è cliente da anni – per verificare se l’assegno è coperto: il cassiere fa gli accertamenti del caso e garantisce all’imprenditore che è tutto ok. Lanciotti versa l’assegno sul proprio conto, torna al deposito e fa caricare i 40mila euro di bevande sul camion. Quattro giorni dopo arriva la doccia fredda: una nota della Bper lo informa che la somma è stata stornata dal conto corrente perché l’assegno è risultato contraffatto. Lanciotti, insomma, è stato vittima di una truffa: i suoi soldi sono andati in fumo.

L’imprenditore, però, non ci sta: perché la banca, dopo aver verificato la copertura dell’assegno, aveva detto che era tutto a posto? Lanciotti, così, ha dato mandato al suo legale, l’avvocato Alfredo Morrone di Roma, di fare causa alla Popolare dell’Emilia-Romagna, per recuperare i 40mila euro, più l’eventuale risarcimento danni. L’imprenditore ha anche raccontato la vicenda su Facebook, con un ironico post pubblicato nei giorni scorsi sulla pagina ufficiale della Bper. Appena due settimane fa l’istituto di via San Carlo era stato condannato dal Tribunale di Modena a risarcire un risparmiatore di Sassuolo per 80mila euro investiti in obbligazioni Lehman Brothers.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche