Venerdì 02 Dicembre 2016 | 18:56

INDAGINE DEL COMUNE SULLA PERCEZIONE DI SICUREZZA

Anche quest’anno il Comune propone un sondaggio ai cittadini sul tema della sicurezza. Tra i punti toccati: criminalità e degrado


Uno dei temi più dibattuti tra i cittadini negli ultimi tempi riguarda l’allarme sicurezza. Il Sindaco Muzzarelli più volte, riferendosi alla criminalità, ha sottolineato come la percezione di insicurezza sia maggiore rispetto all’andamento dei dati ufficiali che risultano invece in calo. Un pensiero criticato dai modenesi soprattutto sul web o da chi pensa che il calo dei numeri non comprenda un fattore importante: la rassegnazione delle persone di fare l’ennesima denuncia. Anche quest’anno il Comune ha deciso di lanciare un sondaggio per scoprire i diversi punti vista, toccando soprattutto i temi legati alla sicurezza. Il questionario, tra le varie domande, chiede al cittadino se pensa che la criminalità sia aumentata nel 2015 e di esprimere un giudizio sul proprio quartiere in tema di microcriminalità. In successione a questo argomento, nel caso di risposta positiva, arriva il quesito su quali sono gli aspetti più urgenti da risolvere nella propria zona, elencando il fastidio provocato da persone ubriache o tossicodipendenti, il degrado, la prostituzione o gli atti vandalici. Il quiz riguarda inoltre anche tutto il territorio, perché viene chiesto di elencare le zone meno sicure di Modena, compresi i parchi o aree verdi. Un’altra parte del questionario si sofferma invece sull’aspetto di difesa del cittadino contro il crimine e tra i quesiti si chiede cosa si fa per prevenire le situazioni spiacevoli, come assicurarsi contro i furti, dotarsi di un antifurto, installare porte e finestre blindate per concludere su un altro tema molto scottante a livello nazionale: l’acquisto di un’arma di difesa. Il tema della ‘percezione’ rispunta alla domanda: ‘Nell'ultimo anno le è successo di restare vittima di uno o più reati?’ ‘Che tipo di reati ha subito?’. Il sondaggio termina invece con i quiz riguardanti l’immigrazione e domande sui diritti che dovrebbero avere i figli dei cittadini stranieri, ma nati in Italia o su tradizioni e cultura di chi arriva nel nostro paese da molto lontano. Insomma una raffica di punti interrogativi per un test, su un campione di intervistati, con l’obiettivo di far emergere un’analisi sulla sicurezza, percezione o meno, in città.  

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche