Martedì 06 Dicembre 2016 | 13:10

EMILIA ROMAGNA IN CIMA ALLA CLASSIFICA ITALIANA PER PIL

Restiamo sempre in ambito economico e parliamo di prodotto interno lordo. Un recente rapporto del Fondo Monetario, registra una Italia a due facce. Il Mezzogiorno cresce la metà del Nord. La regione Emilia Romagna è tra le regioni, in cima alla classifica italiana.


Secondo un recente rapporto del Fondo Monetario il Pil nostrano crescerà dello 0,8% nel 2016, collocando l'Italia agli ultimi posti in fatto di crescita nella graduatoria che comprende i paesi industrializzati. Se si pensa alla media europea, che si attesta al più 1,7%, la situazione è tutto tranne che positiva. L'Italia sembra correre con il freno a mano tirato ma alcuni dati sono sorprendenti. Contando le percentuali aggiornate secondo la camera di Commercio Milano e il suo Hinterland rientrano tra le aeree metropolitane più ricche d'Europa con le sole Londra Parigi e Madrid capaci di produrre di più. Considerando il Pil regione per regione si scopre che il quadro italiano è estremamente variegato ad ogni livello. Se la Lombardia può vantare la forte competitività di Milano confermandosi una regione in salute, l'Emilia Romagna è riuscita a fare di più: con un prodotto interno lordo  dell'1,1% è questa la regione in cima alla classifica italiana. L'ultima è la Calabria in coabitazione con la Sardegna, entrambe al +0,3%. Puglia e Campania si confermano regioni produttive: a pesare il settore dell'elettromeccanica nel barese e la produzione di conserve in Campania. Più in generale nel Sud Italia il Pil è attestato su percentuali poco confortanti. Un'Italia a due velocità dunque, con il Sud capace di crescere solo la metà rispetto al Nord, pur annoverando punte d'eccellenza come quella campana e quella pugliese. Il segnale di un'Italia eterogenea in termini di crescita e Prodotto Interno Lordo. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche