Sabato 10 Dicembre 2016 | 15:36

AMATRICE QUERELA CHARLIE HEBDO PER LE VIGNETTE SUL SISMA

Il Comune di Amatrice querela per diffamazione il periodico satirico francese Charlie Hebdo. Oggetto della querela sono le vignette che ironizzano sulla costruzione delle case crollate a seguito del recente sisma


La satira non c'entra più nulla. Delle vignette disegnate dal periodico satirico francese Charlie Hebdo, che hanno fatto umorismo sulla tragedia costata la vita a quasi 300 persone a causa del sisma del 24 agosto scorso, ora se ne occupa la Procura di Rieti. Questa mattina i legali del Comune di Amatrice hanno presentato una denuncia-querela per diffamazione aggravata contro la rivista. Si tratta del primo provvedimento concreto, dopo l'indignazione di migliaia di utenti sui social e quella del mondo politico italiano. La prima vignetta del periodico raffigura le vittime del sisma ammassate tra strati di pasta, come fossero lasagne. La seconda, volendo spiegare il senso della prima, attribuisce alla mafia italiana la colpa dei crolli. Secondo il legale del Comune reatino, Mario Cicchetti, si tratta di un macabro, insensato e inconcepibile vilipendio delle vittime di un evento naturale. “Non sarà uno dei tanti casi giudiziari per dibattere il primato o meno della sacrosanta libertà di stampa nel diritto di critica e in quello di satira”, sottolinea il legale. Che poi va all’affondo: “Qui ci sono morti, sfollati, parenti e amici distrutti e ci si chiede allora dove sia, in tutto ciò, l'ironia e la libertà di schernire una comunità a pezzi”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche