Venerdì 09 Dicembre 2016 | 16:22

LAMEZIA TERME, NOTO AVVOCATO UCCISO IN UN AGGUATO

E’ stato ucciso a colpi di pistola l’avvocato Francesco Pagliuso, noto a Modena per aver difeso Ivan Forte, il 31enne che il 19 aprile del 2012 a Rubiera uccise Tiziana Olivieri, 40enne di Marzaglia


E’ stato ucciso a colpi di pistola ieri a Lamezia Terme l’avvocato Francesco Pagliuso, noto a Modena per aver difeso Ivan Forte, il 31enne che il 19 aprile del 2012 a Rubiera uccise Tiziana Olivieri, 40enne di Marzaglia. L’avvocato al momento dell’agguato stava rientrando a casa ed era al volante della sua automobile quando una persona si è avvicinata e lo ha freddato con un’arma da fuoco. L’agguato è avvenuto intorno alle 22:30 il cadavere è stato ritrovato all’alba dai familiari della vittima. Stando alle indagini, ancora alle prime battute, l'agguato potrebbe essere stato organizzato per vendetta: l'avvocato  è stato il legale di molti esponenti dell'ndrangheta. In particolare, è una vicenda cui il penalista era legato professionalmente ad aver attirato l'attenzione degli inquirenti: il legale era riuscito a far annullare in Cassazione la sentenza che vedeva Domenico e Giovanni Mezzatesta condannati all'ergastolo per un duplice omicidio avvenuto nel gennaio 2014 in un bar di Decollatura, in provincia di Catanzaro. Nel giardino dell'abitazione di Pagliuso sono presenti alcune videocamere di sorveglianza che hanno ripreso la scena del crimine: l'omicida avrebbe oltrepassato la recinzione attendendo la vittima, per poi sparare con il suo revolver: la sagoma del malvivente appare tuttavia irriconoscibile.  

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche