Sabato 03 Dicembre 2016 | 22:48

BCE LASCIA TASSI INVARIATI. DRAGHI: CRESCITA PROCEDERÀ

Tassi d'interesse invariati anche oltre il 2017. Lo ha annunciato il presidente della Bce Mario Draghi, che non risparmia stoccate alla Germania


La Banca Centrale Europea lascia invariati i tassi d'interesse dopo gli interventi operati lo scorso 10 marzo. Il tasso principale rimane così al minimo storico dello 0%, quello sui depositi bancari a quota -0,40% mentre quello di rifinanziamento marginale allo 0,25%. E' un Mario Draghi decisionista quello che si presta all'annuncio, senza risparmiare una stoccata alla Germania. Sì, perché - sostiene il presidente della Bce – “la priorità è mantenere la stabilità dell'Eurozona, non quella di Berlino”. “La Banca centrale deve rispondere alle leggi e non ai diktat politici”, rincara la dose Draghi. Le incertezze legate all'economia globale senz'altro restano, ma la crescita, seppur moderata, nell'analisi del governatore dell’Eurotower si conferma solida. Nei prossimi mesi, inoltre, la Bce si concentrerà sugli acquisti di titoli del quantitative easing, che potrebbero continuare almeno fino a settembre 2017. Alle critiche arrivate da parte tedesca, il Consiglio Direttivo di Francoforte ribadisce la propria indipendenza.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche