Lunedì 23 Settembre 2019 | 21:33

RAPINATORI SERIALI: AGGREDIVANO DONNE PER DERUBARLE, DUE ARRESTI

Sono un tunisino ed un iracheno 40enni, pluripregiudicati i due soggetti arrestati dalla Squadra Mobile di Modena. Erano diventati un vero incubo in città, dove avevano commesso o tentato di commettere aggressioni a scopo di rapine nei confronti di donne


Prediligevano come obiettivi donne sole, a piedi, da raggiungere e da rapinare della loro borsetta. I due un iracheno ed un tunisino, entrambi 40enni, pregiudicati, uno di questi già arrestato per il possesso di 5 chilogrammi di droga, hanno tentato di fuggire per l’ultima volta ieri, dopo l’ennesimo furto di una borsetta che una ragazza aveva lasciato sul sedile della sua auto nel parcheggio del centro commerciale I Gelsi. Ultimo colpo che ha chiudo il cerchio delle indagini partite il 19 agosto scorso quando una dipendente della sala slot Bingo globo, addetta alla raccolta e al deposito del denaro, esce a piedi con il contante 2000 euro nella borsetta.  I due la raggiungono e la aggrediscono per prendere il contenuto, ma la donna urla, scalcia e riesce ad attirare l’attenzione di alcuni passanti e ad allontanarli. Un testimone vede l’auto, una y 10 nera, che risulterà rubata. L’allerta scatta nuovamente il 7 settembre. I due avevano rotto il vetro di un'auto parcheggiata al Grande Emilia e rubato la borsetta di una donna lasciata sul sedile posteriore del mezzo. I due però riescono a fuggire. Ma la latitanza dura poco. Ieri dopo il furto ai gelsi un altro alert. All’interno dell’auto gli agenti trovano altra refurtiva ed alcuni occhiali utilizzati nel corso dell’aggressione alla donna il 19 agosto che ha riconosciuto i due, incrementando le prove di colpevolezza a loro carico, sono stati subito associati al carcere di S.Anna.

Nel video l'intervista a Salvatore Blasco, Dirigente capo Squadra Mobile di Modena

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche