Lunedì 23 Settembre 2019 | 21:33

VIA DELL’ABATE: MUORE DOPO UN PUGNO, CONDANNATO L’AGGRESSORE

Si aprono le porte del carcere di Modena per il nigeriano irregolare che il novembre dello scorso anno in via dell’Abate sferrò un pugno in pieno volto ad un connazionale


È stato condannato a 4 anni e un mese di carcere per lesioni gravi e gravissime il 25enne nigeriano, irregolare sul territorio nazionale, che nel novembre dello scorso anno colpì con un pugno in pieno volto un connazionale di 37 anni. La lite generata per futili motivi, avvenne in via dell’Abate a Modena, all’esterno di un negozio di kebab della zona Tempio, a cento metri dalla stazione dei treni. Il tutto fu ripreso dalle telecamere di videosorveglianza di via Mazzoni. Era il pomeriggio del 9 novembre del 2018 quando i due nigeriani iniziarono a discutere. Il 37enne venne raggiunto in pieno volto da un pugno, a seguito del quale perse l’equilibrio e cadde a terra restando immobile, nell’indifferenza degli altri stranieri. Trasportato in ospedale due mesi dopo, a gennaio di quest’anno, è deceduto a causa dell’assenza di ossigeno: si sarebbe procurato la morte da solo, sfilandosi accidentalmente la cannula respiratoria dalla gola. Il processo a carico del 25enne responsabile dell’aggressione si è concluso con rito abbreviato mentre gli altri nigeriani che hanno assistito al fatto sono stati condannati a due mesi, pena sospesa, per omissione di soccorso.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche