Giovedì 19 Settembre 2019 | 12:44

IN MANETTE IL RE DEL RAGGIRO, SI NASCONDEVA A FORMIGINE

È finito in manette il Re delle Truffe. Si tratta di un uomo di 69 anni irrintracciabile da anni. Su di lui pendeva un mandato di arresto ed una pena da scontare di 5 anni e sei mesi. Ad incastrarlo i Carabinieri di Formigine


Si spacciava per banchiere, supermanager, anche giornalista e raggirava imprenditori e ditte firmando contratti di fornitura che poi non saldava. Riuscendo a volta anche ad usare nomi fittizzi. Nella provincia pavese aveva era noto come il re delle truffe e proprio per il suo curriculum criminale era ricercato. Su di lui pendeva un mandato di arresto ed una condanna a 5 anni e sei mesi da scontare per truffe commesse in nord Italia. 65 anni, Giorgio, che cambiava spesso il suo cognome, si era trasferito a Formigine, dove viveva da insospettabile. Ma dove probabilmente stava programmando altri colpi. Ad insospettirsi della sua esuberanza i titolari di una ditta del sassolese al quale l’uomo aveva proposto un contratto di fornitura. Che probabilmente sarebbe sfociata in truffa se i carabinieri non fossero intervenuti su segnalazione dell’imprenditore sospettoso. Il nome ha fatto emergere il lungo curriculum criminale e il mandato di arresto eseguito dai Carabinieri di Formigine che hanno raggiunto l’uomo nel suo appartamento e tradotto in carcere dove dovrà scontare la pena per i reati commessi.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche