Giovedì 22 Agosto 2019 | 07:37

CARPI-CROTONE FINISCE SOTTO INDAGINE PER CALCIOSCOMMESSE

La partita tra Carpi e Crotone dello scorso 30 marzo 2019 è finita sotto indagine per l’elevato numero di scommesse puntate non sul risultato bensì sull’espulsione di un giocatore, poi verificatasi


L’elevato numero di scommesse sul match tra Carpi e Crotone dello scorso 30 marzo 2019 ha fatto scattare una segnalazione al Viminale e in particolare all’Unità Informativa Scommesse Sportive (UISS), il settore che vigila per evitare le frodi sportive. Le elevate puntate realizzate non riguarderebbero neanche l’esito dell’incontro, terminato 2-1 in favore degli ospiti, bensì le giocate su Espulsione SÌ/NO con una concentrazione anomala sulla prima. Ed effettivamente è ciò che è capitato, perché al minuto 84 il giocatore del Carpi Fabio Concas (che in questi giorni ha lasciato i biancorossi dopo 8 stagioni) ha dovuto abbandonare il terreno di gioco per somma di ammonizioni. Secondo quanto risulta agli analisti dell’Authority dei giochi si sono registrate numerose giocate ad orario ravvicinato e negli stessi punti vendita, in particolare di Bologna e Genova. I Monopoli di Stato fanno sapere che dalle 13.45 alle 14.50 del giorno 30 marzo, in prossimità dell’inizio dell’incontro sono state effettuate molte puntate utilizzando anche un “frazionamento delle giocate”: più giocate a cifre più basse, nel tentativo di eludere il controllo del Robocop dei Monopoli. Tecnica inutile però visto che sul caso è stato aperto un fascicolo come da procedura da parte dell’organo inquirente sportivo. Intanto il Carpi si è trasferito da Montefiorino a Frontone, nelle Marche, per preparare la nuova stagione soprattutto in vista dell’11 agosto, quando il Carpi giocherà sul campo del Livorno in occasione del secondo turno di Coppa Italia.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche