Domenica 24 Marzo 2019 | 07:36

RAPINA SHOCK A CASTELVETRO, VIOLENTA AGGRESSIONE ALLA FAMIGLIA GRAMPASSI

La famiglia Grampassi, ex titolare della società Castelvetro Calcio, è stata brutalmente aggredita da una banda di ladri che ha fatto irruzione nella loro villa. Trauma cranico e 40 giorni di prognosi per il capofamiglia picchiato con calci e pugni


Sono stati brutalmente picchiati da una banda di ladri che ha fatto incursione nella loro abitazione per derubarli. Una domenica sera da incubo quella vissuta dalla famiglia Grampassi, ex titolare del Castelvetro Calcio, finita all’ospedale a causa delle violente percosse subite. Cinque malviventi, a volto coperto e armati di pistola, intorno alle 22 di ieri hanno fatto irruzione nella villa in via Bortolini entrando dalle finestre. Una volta dentro hanno aggredito selvaggiamente con calci e pugni il capofamiglia l’imprenditore Umberto Grampassi e la badante cinquantenne con l’intento di farsi dire dove era nascosta la cassaforte. In casa in quel momento c’erano anche la moglie dell’imprenditore, la figlia Monica con il marito e due nipoti di circa 20 anni, i banditi li hanno fatti sdraiare tutti su un letto e gli hanno puntato contro la pistola, sparando anche un colpo contro un muro per intimorirli e per evitare possibili reazioni. Fortunatamente nessuno di loro è rimasto ferito. A dare l’allarme e a mettere in salvo l’intera famiglia uno dei nipoti di Umberto che è riuscito a scappare e a chiamare i Carabinieri che si sono precipitati sul posto. Al loro arrivo però i ladri erano già riusciti a dileguarsi tra i campi che circondano la villa portandosi via l’oro e i gioielli trovati in casa. Sul posto sono intervenuti anche i sanitari del 118 per prestare le prime cure alla famiglia Grampassi. A causa dei violenti colpi subiti tutti i componenti del nucleo familiare sono stati accompagnati all’Ospedale di Vignola per gli accertamenti del caso. Il capofamiglia Umberto e la badante hanno riportato entrambi un trauma cranico con una prognosi di 40 giorni. L’uomo, vista l’età, è tornato di nuovo in ospedale questa mattina per ulteriori verifiche. Sull’episodio i Carabinieri hanno dato il via alle indagini per risalire ai responsabili.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche