Martedì 23 Aprile 2019 | 09:54

OMICIDIO DI VIA CAVAZZA, OGGI LA CONVALIDA DELL’ARRESTO PER IL MARITO

Verrà convalidato quest’oggi l’arresto di Khalil Laamane il 49enne accusato dell’omicidio volontario dell’ex moglie, la 37enne trovata uccisa e semicarbonizzata nella sua auto in via Cavazza a Modena. L’uomo non accettava la loro separazione


Ha 49 anni si chiama Khalil Laamane ed è il marito della 37 enne il cui cadavere è stato ritrovato semicarbonizzato nella sua auto in Via Cavazza. Potrebbe essere stato lui ad averla uccisa con 4 coltellate alla schiena e poi data alla fiamma. Nei confronti dell’uomo è stato emesso un fermo indiziario e oggi ci sarà la convalida dell’arresto. Al momento si trova in carcere con l’accusa di omicidio volontario aggravato dalla parentela e dalla premeditazione. Il 49enne di origine marocchina da circa 8 mesi si era separato dalla donna e i due erano in causa per la separazione. Una separazione che a quanto pare l’uomo non accettava. Ascoltato fin da subito come persona informata dei fatti, nel corso del suo lungo colloquio, secondo gli inquirenti, sono emerse troppe incongruenze. L’uomo finora si è detto estraneo ai fatti e non ha confessato ma diverse sono state le contraddizioni delle sue dichiarazioni che hanno poi portato al fermo. Il movente, stando ad una prima ricostruzione potrebbe essere di tipo passionale e animato da un acclarato sentimento di odio e astio dell’uomo verso la nuova vita condotta dalla donna. Secondo quanto riportato dall’avvocato, che da tempo seguiva la 37enne, il rapporto tra i due coniugi era fatto di violenze e minacce. Sembra inoltre che la donna a gennaio fosse anche stata minacciata di morte dal marito.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche