Mercoledì 26 Giugno 2019 | 05:38

X LAW, A MODENA IL SISTEMA CHE PREVEDE I REATI

Presentato in Questura a Modena X Law, un sistema informatico basato su un algoritmo creato ad hoc. Un nuovo strumento a disposizione della Polizia di Stato che consente di prevedere i reati in città e focalizzare gli interventi. Due arresti sono già avvenuti grazie a questo sistema


Si chiama X Law, ed è un sistema informatico che prevede e informa con una probabilità dall’87 al 97 per cento come dove e quando certi reati possano verificarsi. Basato su algoritmo cosiddetto euristico unisce ed elabora sia informazioni statiche cartografici demografici e sociali della città e del territorio in cui viene applicato, e parametri dinamici, aggiornati ogni giorno sulla base della cronaca quotidiana dei reati e della loro tipologia. Così da elaborare e fornire con mezz’ora di anticipo su mappe disponibili sia nella sala operativa ma che sugli smartphone degli agenti delle cosiddette zone di caccia nelle quali è molto probabile che nelle due ore successiva possano verificarsi determinati tipi di reati, distinti anche attraverso una diversa colorazione, sulla base del grado di rischio. Così da muovere le volanti ed i reparti operativi preventivamente in certe zone anziché in altre. E questo a Modena ha già portato ad importanti risultati. Prevedere i reati sembra degno di un film di fantascienza ma non lo è. Dopo la presentazione alla presenza del questore che grazie alla sua esperienza a napoli conosceva le potenzialità del sistema e ha caldeggiato la sua introduzione a Modena, e dell’ispettore capo della Polizia di Napoli che il sistema lo ha ideato sviluppato, le telecamere sono state fatte entrare nella sala operativa dove il sistema è già entrato a regime. Il cuore e vera innovazione del sistema predittico è il cosiddetto P Crime l’indice di pressione criminale. Aggiornato ogni 30 minuti indica, anche sulla base dei risultati ottenuti sul fronte della repressione e degli aggiornamenti quotidiani dei reati, il grado di rischio in quel preciso momento e per quali aree della città.

Nel video le interviste a:

- Paola Covertino, portavoce Questura di Modena

- Elia Lombardo, ispettore superiore Polizia di Stato Questura di Napoli

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche