Mercoledì 20 Marzo 2019 | 12:17

CONTRO I FURTI DI BICICLETTE ARRIVA UN “CICLO REGISTRO”

Un nuovo strumento contro i furti di biciclette è stato lanciato da Confindustria Ancma. Si tratta di un “ciclo registro”, un portale web dove registrare gratuitamente il telaio del proprio velocipede


Se catene e lucchetti non sono sempre efficaci, per contrastare il fenomeno dei furti di biciclette Confindustria Ancma - Associazione nazionale ciclo, motociclo e accessori-, ha deciso di mettere in campo uno strumento in più. Si tratta del «Ciclo Registro», un portale web attraverso il quale sarà possibile registrare il numero di telaio delle biciclette vendute e produrre gratuitamente un certificato digitale di proprietà. In questo modo, ogni bicicletta sarà sempre “tracciabile” e quindi difficilmente rivendibile nei tanti mercatini dell’usato. Ogni anno in Italia sono circa 320mila le bici che vengono rubate e secondo un’indagine della Federazione italiana amici della bicicletta, circa il 60% dei cittadini ha dichiarato di aver subito almeno un furto, più del 50% addirittura più di uno. Il fenomeno non risparmia certo nemmeno Modena, dove la Fiab locale ha dichiarato più volte che una maggior tutela contro i furti invoglierebbe di più i modenesi a utilizzare le biciclette al posto di mezzi a motore. La costituzione del data base potrà offrire un deterrente e permettere alle forze dell’ordine di individuare immediatamente il legittimo proprietario e capire così se una bicicletta è stata rubata. L’associazione di Confindustria sottolinea come il progetto possa anche fare da apripista alle compagnie assicurative per la vendita di prodotti e coperture specifiche per i ciclisti, al momento inesistenti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche