Giovedì 13 Dicembre 2018 | 17:42

CARPI, UOMO COLPITO DA MENINGITE

Segnalato un caso di meningite batterica da pneumococco in un uomo di 48 anni residente a Carpi. Gli esami hanno già permesso di escludere il meningococco come causa scatenante, dunque non si rende necessaria alcuna profilassi antibiotica sui contatti del paziente


Segnalato un caso di meningite batterica da pneumococco in un uomo di 48 anni residente a Carpi, che si trova ora ricoverato in gravi condizioni all’Ospedale Ramazzini, dove è giunto in ambulanza lunedì sera. Sin dalla prima valutazione, i medici hanno sospettato che si trattasse di un caso di meningite di origine batterica; sospetti confermati dai successivi esami a cui è seguita la segnalazione al servizio di igiene pubblica dell’Ausl. Il personale medico ha escluso il batterio meningococco come causa scatenante e quindi non è stato necessario attivare la profilassi antibiotica sulle persone che sono venute a contatto nei giorni scorsi con il 48enne. L’uomo è stato subito ricoverato in Rianimazione, nel rispetto delle precauzioni e procedure di isolamento previste dai protocolli aziendali. Attualmente le sue condizioni sono gravi, ma stazionarie. La tempestività della diagnosi effettuata in pronto soccorso ha consentito di limitare al minimo i contatti all’interno dell’Ospedale e l’adozione di misure cautelative da parte di chi si è preso cura del paziente. La meningite è un’infiammazione delle membrane, le meningi, che avvolgono il cervello e il midollo spinale. Può essere dovuta a diversi microrganismi: batteri, virus, funghi; l’unica che richiede un intervento di profilassi tra i contatti stretti della persona ammalata è la meningite batterica causata dal meningococco.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche