Lunedì 19 Novembre 2018 | 06:40

NUOVO ANNO SCOLASTICO, UN AVVIO TUTTO IN SALITA

Mancano poco più di due giorni al rientro in classe di migliaia di studenti modenesi. La situazione delle scuole, però, ancora oggi è difficile a causa del personale mancante e degli insegnanti precari ancora ignari del loro futuro


Un avvio d’anno scolastico decisamente in salita per gli insegnanti e, di conseguenza, per gli studenti che rischiano di vedersi cambiare in corso chi ha il compito di portare avanti il programma. Una situazione al limite del paradosso quella in cui, in questi giorni, si sono imbattuti numerosi insegnanti della nostra provincia che hanno ottenuto una cattedra lunedì scorso, inizieranno a lavorare lunedì prossimo, ma probabilmente dovranno cambiare scuola, classi e programma fra quindici giorni. La graduatoria stilata dal Miur il 10 settembre scorso, infatti, sarà provvisoria fino ai primi giorni di ottobre quando le convocazioni generali stileranno una graduatoria definitiva necessaria a dare un incarico a tempo determinato fino al prossimo 30 giugno. Una situazione quantomeno complicata, che si fa addirittura drammatica per gli insegnanti di sostegno. Sono troppo pochi, infatti, i docenti che hanno ottenuto la specializzazione ad assistere chi è in difficoltà, motoria o cognitiva, e a causa di questo le scuole saranno costrette ad affiancare i ragazzi con personale reclutato dalle proprie graduatorie d’Istuituto. A poco più di due giorni dal ritorno in classe, quindi, studenti ed insegnanti si trovano di fronte un nuovo, l’ennesimo, anno tribolato con gli insegnanti precari sempre più ignari del loro futuro prossimo e l’ormai cronica carenza di personale Ata: i collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici che, ancora oggi, sono troppo pochi per coprire la mole di lavoro già ingente e che andrà ad aumentare durante tutto il corso dell’anno.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche