Sabato 18 Agosto 2018 | 19:48

DELOCALIZZAZIONE DELLE FONDERIE, ANCORA NESSUN PROGETTO

Non più Navicello, ma si sta valutando una soluzione alternativa. Fonderie Cooperative ancora non hanno presentato nessun progetto per il trasferimento dello stabilimento di via Zarlati ma in una lettera inviata all’Amministrazione ha annunciato la volontà di un cambio di delocalizzazione


Sembra tramontare l’ipotesi della delocalizzazione delle fonderie cooperativa di Modena in zona Navicello. Ad oggi ancora non è stato presentato nessun progetto per il trasferimento dello stabilimento di via zarlati e neanche lo studio di prefattibilità ambientale su cui dovranno essere avviate le procedure per la valutazione di impatto ambientale. La documentazione doveva essere inizialmente presentata ai primi di luglio, data poi prorogata a fine mese, ma ad oggi tuttavia, ancora tutto tace. Nonostante questo però pare esserci una novità: nei giorni scorsi l’azienda ha inviato una lettera all’amministrazione nella quale sembra ipotizzare la rinuncia a costruire una nuova fonderia e annuncia di stare lavorando ad una diversa prospettiva. Forse dunque non più Navicello, ma individuare un altro sito che presenti un miglior rapporto tra costi e benefici ambientali e territoriali. Per approfondire questo nuovo orientamento ieri si è svolto un primo incontro con la proprietà, in quanto l’amministrazione si è dichiarata preoccupata per il rischio di privare la città di una filiera del manifatturiero ma anche di perdere occupazione, l’azienda però ha confermato che la nuova iniziativa continuerebbe comunque a garantire la continuità della produzione per le aziende modenesi lasciando inalterati i livelli occupazionali. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche