Domenica 21 Ottobre 2018 | 03:10

AZIMUT, FINISCE MALE. LA LUBE VOLA IN FINALE

Finisce come peggio non poteva la stagione dell’Azimut Modena Volley. La Lube passa 3-1 al PalaPanini e vola in finale scudetto. Lacrime per N’Gapeth all’addio, il progetto Stoytchev ora è in seria discussione


E’ finita come peggio non poteva ma come forse era pronosticabile. All’Azimut non riesce l’impresa di battere una Lube oggettivamente superiore e chiude la stagione con zero titoli, non quello che esattamente i tifosi speravano ai nastri di partenza. Stoytchev ci prova sin da subito coi pezzi forti schierando Bruno in regia e Sabbi opposto, le bande sono Ngapeth e Urnaut, al centro Holt e Mazzone, il libero è Salvatore Rossini. La Lube Civitanova risponde con la diagonale Christenson-Sokolov, Candellaro e Cester al centro, Juantorena-Sander in banda, libero Grebennikov. La partita ha rispecchiato la stagione dei gialli, spesso e volentieri aggrappata alle giocati dei suoi uomini migliori e incrinata forse dal rapporto non idilliaco tra lo spogliatoio e Rado Stoytchev. La Lube si impone già nel primo set con un 25-19 dopo una prova maiuscola degli uomini di Medei. Stesso risultato ma a favore di Modena nel secondo set grazie alla spinta del solito pienissimo PalaPanini. Nel terzo set la ricezione di Rossini stecca e Cester trascina i marchigiani al 20-25. Nel quarto e ultimo set Modena sembrava quasi rassegnata, la Lube spinge fino al 20-13 la grande reazione d’orgoglio soprattutto di Bruno e N’Gapeth che con una serie di ace tengono a galla i gialli fino al 28-30 finale a favore della Lube. Inutile nascondersi, la stagione dell’Azimut si chiude con un fallimento e anche il progetto di Stoytchev è in seria discussione. Earvin N’Gapeth saluta tra le lacrime, sue e del pubblico. Il futuro di Bruno invece è appeso a un filo, il brasiliano vorrebbe restare ma la sua permanenza dipenderà da quella di Radostin Stoytchev.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche