Mercoledì 19 Settembre 2018 | 16:37

NOVI, DA UNO STUDENTE CHE DORMIVA IN CLASSE I CARABINIERI SCOPRONO UN LABORATORIO CLANDESTINO CINESE

Smantellato nella zona industriale di Novi un laboratorio tessile clandestino gestito da cinesi. Le indagini sono partite in seguito ad un incontro formativo che i carabinieri di Carpi svolgono con regolarità nelle scuole del territorio. E durante il quale hanno individuato uno studente cinese che invece di ascoltare dormiva sul banco di scuola


11600 euro di multa e la chiusura forzata dell’attività per almeno 30 giorni. È l’esito di una operazione svolta dai carabinieri di Carpi nei confronti di un cinese titolare di un laboratorio tessile clandestino. In seguito ad un blitz effettuato poco dopo la mezzanotte di ieri nella zona industriale di Novi, i militari sono riusciti a scovare un capannone adibito sia a fabbrica tessile che ad abitazione per la famiglia del titolare. All’interno della fabbrica c’erano in totale 9 lavoratori, di cui 6 irregolari, senza un contratto e uno clandestino sprovvisto di permesso di soggiorno. Presenti al momento del blitz dei carabinieri anche i due figli minori del titolare che invece di dormire stavano giocando alla playstation. Ed è stato proprio grazie a uno dei due minori che i carabinieri sono riusciti a risalire al laboratorio tessile. Le indagini sono partite in seguito ad un incontro formativo che i militari svolgono con regolarità presso le scuole del territorio. Durante una di queste lezioni, hanno notato uno studente cinese che invece di ascoltare dormiva sul banco di scuola. In seguito agli accertamenti e ai colloqui con gli altri studenti si è giunti alla conclusione che il ragazzo durante la notte lavorava e per questo era stanco. Da qui gli accertamenti del caso e la scoperta del laboratorio tessile clandestino.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche