Mercoledì 18 Luglio 2018 | 05:12

GIOCO D’AZZARDO, VIETATE LE SLOT VICINO AI LUOGHI SENSIBILI

Nella lotta contro la dipendenza del gioco d’azzardo il comune di Modena ha approvato una delibera che vieta di aprire sale da gioco nei pressi di scuole, parrocchie o centri aggregativi per i giovani. I nuovi divieti valgono anche per le sale già presenti sul territorio


Il gioco d’azzardo ha le ore contate. Ieri è stata approvata dalla giunta regionale una delibera che impone il divieto di aprire sale da gioco, sale scommesse e di installare macchinette nel raggio di 500 metri di distanza dei cosiddetti “luoghi sensibili”. Luoghi che, come previsto dalla mappatura approvata insieme alla delibera, coincidono con le scuole di ogni ordine e grado, ma anche con le parrocchie, le sedi universitarie, i centri aggregativi giovanili e le residenze per anziani. A Modena si tratta complessivamente di ben 416 luoghi sensibili. Di fatto dunque data l’ampiezza del raggio in cui l’azzardo è off limits, sarà quasi impossibile giocare all’interno dell’anello delle tangenziali. I nuovi divieti però riguardano non solo le attività che apriranno in futuro sul nostro territorio, ma anche quelle che sono oggi già in funzione: il Comune dovrà infatti comunicare alle sale gioco e alle sale scommesse un provvedimento di chiusura entro il termine dei sei mesi. Termine che sarà prorogato di altri sei mesi se i titolari dimostreranno la volontà di delocalizzare l’attività. Secondo i dati della Questura le sale gioco modenesi sono più di trenta, mentre gli esercizi pubblici che hanno installato apparecchi con vincite in denaro sono circa 250.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche