Domenica 17 Dicembre 2017 | 09:04

MODENA, LA CORSA CONTRO IL TEMPO DI TADDEO

E' una vera e propria corsa contro il tempo quella che vede impegnato in questa settimana il nuovo proprietario del Modena Aldo Taddeo. Il concordato preventivo, infatti, complica il percorso per il pagamento degli stipendi e dei debiti col Comune


Aldo Taddeo, il nuovo proprietario del Modena, lo ha ribadito più volte: per evitare ulteriori problemi e riaprire subito il Braglia è pronto a saldare gli stipendi di luglio e agosto ed anche a risolvere le pendenze del club con il Comune. Due operazioni che se portate a termine garantirebbero ossigeno immediato e possibilità di ripresa per il Modena, ma che vengono rese complicate dal concordato con riserva presentato nei giorni scorsi da Antonio Caliendo. Entrambe queste pendenze, infatti, rientrano assieme agli altri debiti nella procedura che porterà Taddeo a presentare un piano di ristrutturazione del debito che dovrà essere approvato da creditori e Tribunale. Per la giustizia sportiva, però, se gli stipendi non saranno saldati entro lunedì il Modena incorrerà in una nuova penalità ed è chiaro al tempo stesso che presentarsi con i fatti all’incontro con il Commissario giudiziale Trenti e l’Amministrazione comunale porrebbe il nuovo proprietario del club canarino in una posizione assolutamente di favore per la riapertura del Braglia. Una riapertura che dovrà avvenire a breve, a stretto giro di posta, perché il 29 è fissata la prossima gara interna con il Padova. Un altro 0-3 a tavolino produrrebbe a sua volta nuovi punti di penalità e porterebbe ad un passo dal baratro poiché un eventuale quarto ko senza giocare vorrebbe dire radiazione dal campionato. Mille aspetti legali da vagliare, dunque, in poco, pochissimo tempo per trovare la strada giusta, quella che darebbe respiro al Modena e magari anche un rinnovato ottimismo a tutta la città.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche