Venerdì 20 Ottobre 2017 | 16:07

CONTROLLI ANTIDROGA, PARCO PERTINI NEL MIRINO

Dopo il Parco XXII aprile e Viale Gramsci si estendono i controlli antidroga della Polizia di Stato. Ieri gli agenti della Squadra Mobile hanno effettuato un’importante attività al Parco Pertini, anche con l’ausilio dell’unità cinofila di Bologna


Uno spacciatore arrestato e mezzo chilo di droga, fra hashish e marijuana, rinvenuta nei cespugli e in altri anfratti dall’unita cinofila di Bologna, il cane Jago. Questi sono i risultati del servizio di controllo antidroga straordinario effettuato ieri dalla Squadra Mobile della Polizia di Stato al Parco Pertini, uno dei luoghi in cui lo spaccio a Modena è particolarmente fiorente. Non solo Viale Gramsci e Parco XXII aprile, dunque, nel mirino delle Forze dell’Ordine che ieri hanno pattugliato la zona anche con l’ausilio di agenti in borghese. Proprio grazie a questo stratagemma, intorno alle 18:30, è stato fermato ed arrestato un tunisino di 33 anni, A.O. le sue iniziali, che è stato sorpreso con ventisei grammi di cocaina, tre telefoni cellulari e circa novecento euro in contanti, verosimilmente provento delle sue attività illecite. L’uomo dovrà rispondere davanti al Giudice di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente. Ingente, come detto in precedenza, anche il quantitativo di droga scovato grazie al fiuto del cane Jago. Si tratta come spesso accade di dosi già preconfezionate che i malviventi preparano e conservano nei propri nascondigli per poi recuperarle e venderle ai clienti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche