Martedì 27 Giugno 2017 | 14:21

SPESE PAZZE, MONARI DOVRÀ RISARCIRE MEZZO MILIONE

La Corte dei conti ha condannato tutti gli ex capigruppo della Regione Emilia Romagna nell’ambito dell’inchiesta ‘spese pazze’. Secondo i giudici contabili c’è stato un ‘grave scostamento dalle elementari e chiare regole di gestione e rendicontazione’
di Giuseppe Leonelli


Otto condanne per altrettanti ex consiglieri della Regione Emilia-Romagna, tutti ex capigruppo finiti coinvolti nello scandalo delle 'spese pazze'. Dopo il fronte penale, la vicenda infatti ha coinvolto anche la Procura contabile e ieri sono arrivate le sentenze, tutte di condanna da parte della Sezione giurisdizionale della Corte dei conti, per Luigi Giuseppe Villani (Pdl); Roberto Sconciaforni (Fds); Gian Guido Naldi (Sel-Verdi); Andrea De Franceschi (Movimento Cinque stelle); Marco Monari (Partito democratico); Liana Barbati (Idv); Silvia Noè (Udc) e Matteo Riva (Gruppo misto). L'importo più alto è quello che riguarda il gruppo del Partito democratico: Monari è stato infatti condannato a risarcire la Regione Emilia-Romagna per 518.302 euro. La Procura ne aveva chiesti 614.954. Tutti gli ex capigruppo della Regione Emilia-Romagna sono stati condannati per responsabilità amministrativa nell'accezione della 'colpa grave'. Secondo i giudici contabili, da parte di ciascuno di loro c'è stato un 'grave scostamento dalle elementari e chiare regole di gestione e rendicontazione' previste per le spese dei gruppi nei confronti della Regione Emilia-Romagna.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche