Lunedì 26 Agosto 2019 | 10:59

VIGNOLA: MAXI-TRUFFA ALL’INPS, 112 INDAGATI

Percepivano assegni di disoccupazione, ma le assunzioni e i licenziamenti erano fittizi: evitato danno alla collettività per 1,2 milioni di euro


Il meccanismo fraudolento iniziava con delle assunzioni fittizie, proseguiva con degli altrettanti finti licenziamenti e aveva il suo culmine nella richiesta all'Inps delle indennità di disoccupazione. Sono 112 le persone indagate nella presunta maxi-truffa all'Istituto di Previdenza Sociale smascherata dalla Guardia di Finanza di Vignola: 110 sono coloro che hanno indebitamente percepito gli assegni, i restanti due sono i titolari delle imprese individuali, di fatto inesistenti, che firmavano le assunzioni. Entrambe avevano la sede legale in provincia di Modena. Le richieste di indennità provenivano invece da diverse parti d’Italia: da Ravenna a Perugia, da Caserta a Napoli, passando anche per Mirandola. L’indagine, a cui ha collaborato anche l’Inps di Modena, è coordinata dai pm Katia Marino ed Enrico Stefani. Gli assegni mensili di disoccupazione incassati fraudolentemente oscillavano tra i 400 e i mille euro ciascuno, che venivano accreditati su carte di credito prepagate. La somma complessiva che era stata richiesta dai truffatori ammonta a circa 1,2 milioni di euro: l’Inps aveva già erogato 180 mila euro. Una cifra per la quale le Fiamme Gialle hanno già avviato la procedura di confisca.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche