Martedì 25 Settembre 2018 | 15:37

IL SASSUOLO NON VA: ANCORA UN'INCREDIBILE RIMONTA SUBITA

Ancora un doppio vantaggio sciupato e tre punti clamorosamente persi dai neroverdi. Sul campo della Sampdoria vanno avanti 2-0, ma subiscono addirittura tre reti nei minuti finali


Tanta sfortuna per gli infortuni, ma anche tanti mea culpa da recitare. Il Sassuolo crea e distrugge tutto nell’arco di pochi minuti, un copione non nuovo purtroppo in stagione per i neroverdi, un copione che si è arricchito di una nuova pagina nel match con la Sampdoria. Senza Politano e Berardi in attacco, ma con il rientro finalmente di Missiroli in mezzo, la squadra di Di Francesco lotta e combatte trovando i primi gol in Serie A di Ricci e Ragusa. Poi nei minuti finali il dramma sportivo: la rete di Quagliarella e la doppietta di Muriel a capovolgere incredibilmente tutto. Fatica a comprendere e, ovviamente, a prendersi responsabilità lo stesso Di Francesco per una squadra che da mesi, salvo normali eccezioni, sembra riuscire a sopperire anche alle assenze pesanti per poi sprecare tutto subendo rimonte folli come quella del Milan in campionato o del Rapid Vienna in Europa League per citare solamente le due più clamorose. Serve una rapida e netta inversione di tendenza perché giovedì a Bilbao sarà di fatto una finale per proseguire la corsa in Europa. Una sconfitta, infatti, chiuderebbe aritmeticamente i conti con una gara d’anticipo, quella casalinga contro il Genk, mentre in campionato la classifica adesso è davvero pesante: Crotone, Palermo e Pescara rimangono sul fondo, in zona retrocessione, senza apparentemente mostrare la forza per impensierire le rivali poi poco sopra l’Empoli e al quintultimo posto c’è proprio il Sassuolo a quota tredici punti. Quattro le sconfitte consecutive ad oggi in Serie A con ben undici gol subiti, venticinque totali in stagione per una difesa che da ermetica è diventata la quarta più battuta del torneo, ad un passo da quelle di Palermo e Crotone. Un ruolino di marcia che non ha nulla a che vedere con le ambizioni di una squadra martoriata sì dagli infortuni, ma che a questo punto si può dire stia palesando quantomeno qualche problema di attenzione e concentrazione nell’arco di tutti i novanta minuti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche