Martedì 06 Dicembre 2016 | 01:50

ESSELUNGA MAI IN MANO ALLE COOP: IL TESTAMENTO DI CAPROTTI

La battaglia contro la grande distribuzione cooperativa di Bernardo Caprotti continua anche attraverso le sue ultime volontà


Esselunga può essere venduta, ma mai alle Coop. La battaglia contro la grande distribuzione cooperativa di Bernardo Caprotti continua anche attraverso il testamento. Vendere dunque è una possibilità che il patron di Esselunga aveva messo in conto, perché Supermermarkets Italiani è una società attrattiva e negli ultimi anni lo è divenuta di più. Però per Caprotti, lo spiega nel documento aperto in uno studio notarile di Milano, è a rischio perché è un’impresa troppo pesante da condurre e pesantissima da possedere. Poi il monito per la sua creatura. Attenzione: privata, italiana, soggetta ad attacchi può diventare coop. Il patron di Esselunga lascia anche pochi margini di manovra agli eredi in caso di futura vendita: il gruppo olandese, sarebbe un buon partner commerciale, mentre non c’è fiducia per la realtà spagnola Marcadona.  Quello di non vedere la sua creatura al mondo Coop è l’ultimo desiderio dell’imprenditore milanese che per anni non si è arreso contro un certo tipo di sistema. Uno scontro che divenne ancora più acceso dopo la pubblicazione nel 2007 del libro ‘Falce e Carrello’, dove l’autore accusava il colosso delle cooperative di avergli impedito con ogni mezzo di penetrare nelle regioni rosse. Anche in tribunale fu battaglia: Caprotti in un primo momento fu condannato a un risarcimento da 300 mila euro e al ritiro del volume dal mercato, ma la sentenza successivamente fu sospesa, con la revoca della censura. Nel 2012 l’Antitrust condannò invece Coop Estense di Modena a una sanzione da 4 milioni e mezzo e a rimuovere gli ostacoli alla concorrenza creati contro Esselunga. Il patron della catena di supermercati dopo la morte ha lasciato il 70% della società alla moglie e alla figlia Marina Sylvia. Il restante 30% ai figli Violetta e Giuseppe, con cui ha avuto battaglie legali.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche