Martedì 06 Dicembre 2016 | 18:54

MASERATI MODENA: LA FIOM CHIEDE UN TAVOLO, LA REGIONE DICE NO

La sigla in allarme per il futuro dello stabilimento di viale Ciro Menotti: “Necessità di passare dalle voci di corridoio a incontri ufficiali”. Secca la replica dell’assessore Costi: “Non c’è crisi aziendale, ma ci stiamo confrontando con i vertici del Tridente”


“Molti rumors, ma ancora nessuna notizia ufficiale, nemmeno un incontro programmato”: la Fiom chiede certezze sul futuro della Maserati a Modena. L’estate è stata ricca di indiscrezioni confortanti sul fatto che il Tridente continuerà a produrre nello stabilimento di viale Ciro Menotti, ma alle tute blu della Cgil non basta: “Dalle voci informali bisogna passare ai fatti”, osserva il sindacato. La sigla invoca l’attivazione di un tavolo istituzionale di confronto, ma la Regione Emilia-Romagna stoppa sul nascere la richiesta: “Non siamo di fronte a una crisi aziendale, dunque la soluzione non è percorribile”, spiega l’assessore regionale Palma Costi. In una nota, la Fiom ricorda l’ottimismo generalizzato dopo la riunione in Provincia del 21 luglio scorso, con l’ipotesi di una continuità produttiva basata sul restyling di modelli in via di pensionamento. I ‘cugini’ della Uilm, a margine si quella riunione, avevano anche annunciato un summit con la Direzione aziendale di Maserati, previsto tra la fine di agosto e i primi giorni di settembre. Ma, fa notare la Fiom, “siamo quasi alla metà di settembre e nessun incontro è in calendario, mentre la cassa integrazione continua a essere utilizzata in modo massiccio”. Da parte sua, la Regione assicura comunque che il dialogo con i vertici del Tridente è sempre aperto: “L’obiettivo – sottolinea l’assessore Costi – è agire affinché sia garantita la produzione a Modena”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche