Domenica 04 Dicembre 2016 | 09:06

MALTEMPO: LA NOTTE DI SAN LORENZO SENZA STELLE CADENTI

Il brutto tempo rovina l’incanto della notte di San Lorenzo. Il momento migliore per mettersi con il naso all'insù è il 12 agosto


“La notte che ho visto le stelle non volevo più dormire” il passaggio di questa canzone popolare non si realizzerà in questo 10 di agosto, San Lorenzo, da sempre considerata la notte delle stelle cadenti. Il brutto tempo, previsto dalle carte degli esperti, è arrivato puntuale; la perturbazione provocata dall'impulso dell’aria fresca di origine artica e dal rinforzo dell’alta pressione delle Azzore, ha portato pioggia battente sin dalla mattina e proseguirà fino a giovedì anche se domani la giornata sarà caratterizzata più da schiarite che da rovesci. Una perturbazione che ha fatto slittare di un giorno i diversi appuntamenti già previsti nelle diverse postazione della provincia di Modena. Così è alla Croce Arcana e al Rifugio Capanna Tassoni di Fanano. Le stelle cadenti vengono indicate come "Lacrime di San Lorenzo" perché nel XIX secolo il massimo della loro frequenza avveniva il 10 agosto, giorno in cui viene ricordato il santo. Da qualche anno il picco delle stelle cadenti è previsto tra l’11 e il 12 agosto, con una previsione di circa 200 meteore l’ora. Il momento migliore per mettersi con il naso all'insù, dicono gli esperti, sia intorno alle 02:30 del 12 agosto.

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche