Martedì 06 Dicembre 2016 | 20:51

CARCERE SANT'ANNA: ANCORA TENSIONI SINDACALI

Continuano le tensioni e le proteste dei sindacati di polizia penitenziaria. "Il clima lavorativo è insostenibile" dicono. E chiedono rinforzi all'organico.


Ancora tensione all'interno del carcere Sant'Anna di Modena. Dopo il presidio fuori dalla struttura messo in atto due settimane fa dai sindacati della polizia penitenziaria (sono ben 10 le sigle sindacali rappresentate), la situazione non è affatto migliorata, nemmeno dopo gli incontri ufficiali con il Prefetto e con il Provveditore regionale dell'amministrazione penitenziaria.  "Il clima lavorativo è sempre più insostenibile", fanno sapere i sindacati, che aggiungono: "Praticamente inesistenti da tempo anche i rapporti con i vertici del carcere". I sindacati hanno chiesto la sostituzione del direttore del carcere, ritenuto non all'altezza del proprio compito istituzionale, e lamentale le ormai croniche lacune d'organico, oltre a gravi carenze strutturali e problematiche sanitarie. Senza tener conto dei pericoli per l'incolumità per gli stessi agenti di polizia penitenziaria: giusto ieri, un secondino del Sant'Anna è stato vittima di un aggressione - per fortuna non grave, ma che ha richiesto il ricovero al pronto soccorso - da parte di un detenuto. Le azioni di protesta continueranno, fanno sapere i sindacati. Al momento, gli agenti di polizia penitenziaria si astengono dalla presenza alla mensa di servizio, ma non sono escluse forme di protesta più eclatanti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche