Venerdì 09 Dicembre 2016 | 20:17

OMICIDIO MADONNINA: CANO’ RIMANE IN CARCERE

Il giudice per le indagini preliminari ha confermato la misura cautelare in carcere per Armando Canò, l’uomo accusato dell’assassinio dell’ex compagna


E’ stata resa nota questa mattina la decisione del Gip del Tribunale di Modena: Armando Canò rimarrà in carcere. Non sarà dunque trasferito in una struttura di cura, come aveva chiesto la difesa, l’uomo accusato dell’assassinio dell’ex compagna Bernardetta Fella. Il Giudice in questi due giorni si era riservato di prendere una decisione dopo i fatti accaduti nel quartiere Madonnina, dove il cadavere della donna era stato scoperto in un frigorifero in disuso nella cantina dell’appartamento di strada nazionale per Carpi. Dopo due giorni di riflessioni il Gip ha dunque deciso per la conferma della stato di fermo al carcere Sant’Anna. Giovedì mattina invece era stato il momento dell’udienza preliminare nella struttura modenese, dove Canò aveva esercitato il proprio diritto difensivo di non rispondere alle domande del giudice. Intanto oggi è iniziata anche l’autopsia sul corpo della vittima e la relazione sarà depositata in Procura entro 90 giorni. Alcuni aspetti però potrebbero emergere già al termine del lavoro ed essere confrontati con le parole di Canò che durante la confessione avvenuta dopo l’arresto, aveva parlato di strangolamento come causa del decesso dell’ex compagna.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche