Giovedì 08 Dicembre 2016 | 12:55

OMICIDIO MADONNINA, ECCO PERCHE’ L’ASSASSINO ERA LIBERO

Il procuratore capo Lucia Musti oggi è intervenuta sul caso dell'omicidio di Bernardetta Fella, la donna di 55 anni strangolata a morte dall’ex convivente


“Su Armando Canò pesavano diversi precedenti, ma l’uomo non era considerato un possibile assassino”. Così il procuratore capo Lucia Musti interviene sul caso dell’omicidio di Bernardetta Fella. La donna, 55 anni, è stata strangolata a morte dall’ex convivente, Canò, che poi ha nascosto il cadavere in un frigorifero. In passato la vittima più volte aveva denunciato in Questura i maltrattamenti subiti dall’uomo: querele in molti casi successivamente ritirate.

Intervista a Lucia Musti, Procuratore capo di Modena

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche