Martedì 06 Dicembre 2016 | 13:07

AEMILIA: M5S INTERROGA LA PREFETTURA

L’operato della Prefettura di Modena e l'accesso alla white list di alcune ditte locali sono al centro di una interrogazione presentata dal Movimento 5 Stelle ai Ministeri dell’Interno e della Giustizia


‘Alcune cose nell'operato della Prefettura di Modena del recente passato non sono ancora al momento chiare’: interviene così il deputato del Movimento 5 Stelle Vittorio Ferraresi in una interrogazione ai Ministeri dell’Interno e della Giustizia, presentata insieme al collega Michele Dell’Orco, per chiedere chiarezza su alcuni aspetti dell’inchiesta Aemilia e sul ruolo giocato dalla Prefettura di Modena.

Sembra infatti che le ditte escluse dalla White List - o in dubbio di iscrizione come Fratelli Baraldi, Bianchini costruzioni e CPL Concordia - abbiano avuto accesso a suggerimenti e consigli dall’interno sia tramite dei funzionari, sia per l’intermediazione della società di investigazioni Safi che pare avesse in quegli uffici un particolare aggancio.

L’ex viceprefetto Mario Ventura è stato ascoltato dal procuratore di Bologna come persona informata dei fatti, mentre risulta che siano iscritti nel registro degli indagati alcuni funzionari in forza a Modena.

La Prefettura di Modena ha svolto una preziosa attività per impedire il possibile radicamento della ‘ndrangheta nelle istituzioni amministrative, osservano i due deputati auspicando gli opportuni interventi per verificare le responsabilità ed evitare che l’iscrizione di una impresa alla white list sia influenzata dalle discrezioni individuali dei funzionari. 

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche