Lunedì 05 Dicembre 2016 | 05:26

ROMANO PRODI INTERVIENE AI NOSTRI MICROFONI SUL REFERENDUM PER L'USCITA DEL REGNO UNITO DALL'UNIONE EUROPEA

I cittadini britannici oggi saranno chiamati al voto per il referendum sulla Brexit


Nel Regno Unito manca ormai poco all'apertura dei seggi  per il cosiddetto referendum sulla Brexit: i cittadini britannici saranno chiamati al voto nella giornata di domani per decidere se la Gran Bretagna resterà o meno all'interno dell'Unione Europea. Dopo settimane di ottimismo da parte delle fazioni favorevoli all'uscita del Regno Unito dall'Unione i sondaggi sulle intenzioni di voto hanno evidenziato una progressiva risalita del fronte del no alla Brexit: secondo i più autorevoli il 53% dei votanti sceglierà la voce "resta". Gli opinionisti hanno commentato come i punti di vantaggio riconducibili alla fazione degli europeisti possano essere la risultante del timore provocato dal brutale omicidio della deputata laburista Jo Cox convinta sostenitrice della permanenza del Regno Unito nell'Unione Europea. A favore della permanenza  si è tra l'altro da sempre schierato anche il premier britannico David Cameron. I mercati europei sembrano essere piuttosto ottimisti circa la non uscita del Regno Unito dall'Europa ma il presidente della BCE Mario Draghi ha sottolineato con prudenza che a Francoforte sono pronti a tutto. Malgrado la ventata di ottimismo che ha investito gli europeisti oltremanica nessun risultato è dato per scontato. 

Abbiamo chiesto al’ex premier Romano Prodi quali potrebbero essere le conseguenze sul nostro paese.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche