Mercoledì 07 Dicembre 2016 | 23:09

POLIZIA MUNICIPALE: 135 VIGILI CHIEDONO IL TRASFERIMENTO

Pesante protesta dei vigili urbani nel giorno della festa del Corpo. Consegnata una lettera al Sindaco Muzzarelli: oltre 130 agenti chiedono il trasferimento ad altri uffici comunali


Prima la festa e poi la doccia fredda, anzi gelata. Ieri la giornata per la Polizia Municipale era partita con le celebrazioni per il 156° anniversario della fondazione, con il Comandante Chiari pronto a sottolineare come sia cambiata la presenza sul territorio, con più prossimità e più controlli anche grazie al lavoro notturno. Mentre erano in corso elogi e premiazioni, decine di agenti si trovavano però riuniti in assemblea sindacale. Terminata la riunione, ecco la sorpresa, con il Sindacato Diccap-Sulpm che ha deciso di intervenire alla festa consegnando come regalo al primo cittadino Muzzarelli una lettera sottoscritta da 135 operatori di Polizia Municipale per chiedere il trasferimento ad altri uffici comunali. I Vigili con questa azione, principalmente una provocazione, vogliono rimettere al centro dell’attenzione le varie problematiche del Corpo e prima di tutto la questione dell’organizzazione, alquanto carente secondo i sindacati. Ad esempio una delle contestazioni a Chiari e Muzzarelli riguarda il recente caso di frazioni, come Albareto dove i cittadini sono bersagliati dai malviventi. Per far fronte a questa emergenza si è promesso un’intensificazione dei controlli, ma per Federico Coratella, segretario provinciale del Diccap-Sulpm, si tratta solo di fumo negli occhi, perché gli interventi sono limitati e non in grado di garantire la sicurezza dei residenti. Per migliorare il servizio il sindacato propone da tempo l’organizzazione di un tavolo tecnico dove mettere in evidenza le problematiche degli oltre 130 vigili che stanno protestando. Un invito però per ora non accolto dal Sindaco e dal Comandante della Municipale.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche