Martedì 06 Dicembre 2016 | 16:56

FINALE: CEMENTO DEPOTENZIATO PER COSTRUIRE LA SCUOLA

Ricostruzione post sisma: Cemento depotenziato per costruire la scuola media Frassoni: 15 indagati e due aziende sotto inchiesta


La Scuola Media Frassoni, costata 5 milioni di euro, inaugurata solo lo scorso aprile e pronta dunque ad accogliere gli studenti di Finale Emilia nel prossimo anno scolastico, secondo l’indagine della Polizia, coordinata dalla Procura, potrebbe essere stata costruita con calcestruzzo depotenziato, quindi di qualità più scadente rispetto a quello certificato con lo scopo di risparmiare sul cemento ricavando quindi maggior profitto. La polizia di Modena, su mandato della Procura, ha eseguito una ventina di perquisizioni tra Modena e il nord Italia. 15 le persone finite sotto inchiesta per truffa aggravata nei confronti dello stato.

Le indagini, sono iniziate nel dicembre del 2015 da un altro filone d’inchiesta legato al traffico di stupefacenti. La squadra Mobile attraverso le intercettazioni ha sentito alcuni discorsi riguardanti il trasporto di ‘cubetti’ di cemento. Si tratta di campioni di calcestruzzo che servono come test di resistenza del materiale usato nei cantieri. Nell’indagine, secondo la Procura, emergerebbe il coinvolgimento di due importanti aziende del Nord Italia, la Betonrossi di Piacenza, operante nel settore della fornitura di calcestruzzi, e l'AIC di Modena, che si occupa di costruzioni. Oltre al materiale scadente sarebbero stati forniti anche campioni fasulli per superare i controlli.




Nel video le interviste a Enrico Tassi, Capo squadra Mobile Questura di Modena e Lucia Musti, Procuratore Capo

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche