Sabato 10 Dicembre 2016 | 19:25

INTERCETTAZIONI POLICLINICO: "SOSPENDERE L’APPALTONE"

Lo chiede il capogruppo di Forza Italia Andrea Galli. L’ex direttore Cencetti al telefono con un big delle cooperative: “Sono fedele al sistema”. Interviene con una nota la Direzione dell’ospedale: “Non è più il Policlinico di cinque anni fa”


“Sono fedele al sistema”. Così diceva l’allora direttore generale del Policlinico Stefano Cencetti al telefono con il direttore commerciale del colosso cooperativo Ccc di Bologna. Il colloquio risale al febbraio 2012 e l’intercettazione è tra quelle allegate al fascicolo d’inchiesta sulle presunte tangenti pagate all’Ospedale di Modena da una serie di cooperative emiliane per aggiudicarsi gli appalti del nosocomio. L’indagine è chiusa e stanno per partire le richieste di rinvio a giudizio, ma il caso è riesploso prepotentemente dopo la pubblicazione di nuove intercettazioni da parte de Il Resto del Carlino. Intercettazioni da cui emerge un fitto intreccio tra Sanità e politica, con diversi esponenti del Pd e delle istituzioni locali coinvolte. Il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, Andrea Galli, chiede la sospensione del mega-appalto di global service da 130mila euro che il Policlinico ha assegnato sino a fine 2018.

Sul caso interviene con una nota anche l’attuale direttore del Policlinico, Ivan Trenti. “L’ospedale non è più quello di cinque anni fa – sottolinea –. Quando saranno accertate le responsabilità, adotteremo tutti i provvedimenti conseguenti a tutela del Policlinico”. Quanto al mega-appalto, fa notare Trenti, la sospensione non è giuridicamente possibile”.

Intervista ad Andrea Galli, Capogruppo Forza Italia Consiglio comunale Modena

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche