Venerdì 02 Dicembre 2016 | 20:55

POLIZIA MUNICIPALE, TENSIONE COMUNE-SINDACATI

Le sigle Sulpl e Uil: “Commissionati ai vigili servizi non previsti”. L’amministrazione: “Mai un tavolo di confronto privilegiato con la Municipale”


Tensione alle stelle, come sempre nell'ultimo anno, tra il Comune di Modena e i sindacati della Polizia Municipale. Dopo la aspra polemica sui turni H24 dei vigili, ora le sigle Sulpl e Uil puntano il dito contro presunti servizi commissionati alla Municipale, ma non previsti dagli accordi. I sindacati citano in particolare la scorta valori e la scorta a una dirigente del Comune, Maria Sergio, moglie del sindaco di Reggio, vittima di minacce mafiose. “Compiti che non attengono alla nostra attività”, sottolineano i rappresentanti dei lavoratori, secondo cui, inoltre, le nuove assunzioni sono state 14 e non 15 come promesso dal sindaco. Immediata la replica del Comune. “L’impegno ad assumere 15 operatori è stato rispettato”, scrive in una nota Piazza Grande. “Queste non sono materie di contrattazione sindacale” aggiunge l’amministrazione, sottolineando che “non c’è e non ci sarà nemmeno in futuro un tavolo speciale e privilegiato di contrattazione per la Polizia Municipale”, in quanto “il tavolo di discussione e trattativa era e resterà unico”. Il Comune, insomma, non entra nel merito e si limita a rispondere sul metodo della discussione. E la polemica continua.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche