Sabato 10 Dicembre 2016 | 17:34

TELECAMERE SUI TAXI: DETERRENTE AI MALINTENZIONATI

Una garanzia per l’incolumità del conducente che proprio per il lavoro che svolge non può rifiutarsi di accompagnare un cliente, a volte anche in zone cittadine considerate a rischio


Le situazioni sono cambiate ma l’allarme sicurezza resta: anche per questo nei 72 taxi di Modena, aderenti al consorzio Cotamo, sono state installate le telecamere come deterrente per i malintenzionati. Bologna insegna. Nel capoluogo felsineo, infatti, negli ultimi mesi sono state tre le rapine a mano armata a danni di tassisti. Una situazione che ha creato un allarme generale tanto che all'interno dei veicoli di Modena sono stati montati gli occhi elettronici che registrano quel che accade. Una garanzia per l’incolumità del conducente che proprio per il lavoro che svolge non può rifiutarsi di accompagnare un cliente in un luogo piuttosto che un altro e in alcuni casi le zone cittadine sono considerate a rischio. 

Rispetto al passato le situazioni sono cambiate perché oggi il fenomeno di prostitute e spacciatori che viaggiano e si spostano sui taxi sta diminuendo, restano comunque problemi di ordine pubblico infatti, spesso, ad chiamarli sono persone ubriache che diventano moleste e violente. Per evitare di incappare in circostanze che possano degenerare il consorzio Cotamo ha deciso di far installare le telecamere all’interno dei mezzi.

Intervista a Simone Lodi, Tassista Consorzio Cotamo

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche