Domenica 11 Dicembre 2016 | 10:55

SCIOPERO DEI METALMECCANICI DAVANTI A CONFINDUSTRIA

I lavoratori non accettano la proposta sul salario e sul sistema contrattuale che non riconosce nessun aumento al 95% dei metalmeccanici


Braccia incrociate dei metalmeccanici che dopo otto anni tornano uniti. Lo sciopero unitario nazionale che mancava del 2008 ha visto la presenza in presidio di circa 600 modenesi questa mattina davanti alla sede di Confindustria. L’incontro dello scorso 24 marzo tra le sigle e i presidenti di Federmeccanica e Assistal non è andato a buon fine, anzi ha portato alla scelta dello stop. I lavoratori non accettano la proposta sul salario e sul sistema contrattuale che non riconosce nessun aumento al 95% dei metalmeccanici. Con lo sciopero di 4 ore si punta a far cambiare idea alla controparte per giungere a un’ipotesi di accordo di rinnovo del Contratto nazionale che poi sarà sottoposto al voto dei lavoratori nelle aziende del settore di tutto il Paese. Il principale obiettivo anche dei lavoratori modenesi, è quello di affermare un Contratto nazionale che garantisca il reale potere di acquisto del salario per tutti i metalmeccanici. I lavoratori che abbiamo avvicinato si sono detti fiduciosi dopo la scelta delle sigle di presentarsi unite alla protesta.

Ai nostri microfoni Alberto Zanetti, Segreterio provinciale UIL

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche