Mercoledì 07 Dicembre 2016 | 13:26

OPERAZIONI FINANZIARE SOSPETTE: A MODENA SONO 821

Secondo il rapporto di Banca d’Italia-UIF, nel 2015, a Modena ci sono state 821 segnalazioni di operazioni finanziare sospette di riciclaggio


In Emilia Romagna stando alla relazione della Banca d'Italia-UIF, che raccoglie le segnalazioni delle "operazioni finanziarie sospette di riciclaggio e finanziamento del terrorismo internazionale", il 2015 si chiude con ben 5.579 operazioni sospette. Peggio della nostra regione hanno fatto Lombardia, Campania, Lazio,Veneto e Piemonte. Secondo i dati raccolti e diffusi dalla Banca d’Italia l’83% delle segnalazioni "risultano attendibili e perciò non archiviate". In merito e per quanto riguarda le province emiliano romagnole il podio spetta a Bologna con oltre 1.000 segnalazioni a rischio seguita da Modena con ben 821. Un altro dato che emerge dall’analisi della Banca d’Italia e che riguarda l'interscambio di bonifici finanziari con i Paesi paradisi fiscali, pone Modena, insieme a Piacenza come le uniche due province in regione dove il 15%-18% del totale dei bonifici provenienti dall'estero partono dai "paradisi". Ancor peggio, solamente la provincia di Modena - unica in regione e fra le sedici italiane analizzate - si distingue con una media del 25-30% di bonifici emessi verso paradisi fiscali che vedono, nell'ordine, dopo la Svizzera, Hong Kong e l'intera serie degli Emirati. Nonostante questi numeri, secondo Franco Zavatti coordinatore della sicurezza e legalità della Cgil Emilia Romagna, non esiste un vero e proprio dibattito ed una adeguata attenzione, in particolare nel mondo dell'economia e delle imprese.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche