Venerdì 09 Dicembre 2016 | 22:14

OPERAZIONE HEARTQUAKE: FOLCHI RESPINGE LE ACCUSE

Interrogatorio di garanzia per Eleonora Folchi, arrestata dalla guardia di finanza di Modena. La donna davanti al giudice ha respinto le accuse


Davanti al giudice, e dopo due ore di interrogatorio di garanzia, Eleonora Folchi, la donna arrestata dalla guardia di Finanza di Modena nell’ambito dell’operazione Heartquake che ha viste coinvolte altre 8 persone accusate di truffa, ha respinto ogni addebito. Nel corso dell’interrogatorio la donna, l’unica finita in carcere, ha messo in discussione l’intero impianto accusatorio delle fiamme gialle spiegando al giudice come i soldi ottenuti dalle banche, 6 milioni e mezzo, non erano contributi a fondo perduto per la ricostruzione, ma finanziamenti - seppur a tasso agevolato - per saldare le pendenze con il fisco italiano. Stando alle dichiarazioni rilasciate dalla donna, le società di proprietà della famiglia Folchi avevano da tempo la sede legale a Massa, per cui autorizzata ad ottenere il finanziamento post sisma. Nel corso dell’indagine, durata alcuni mesi, la guardia di finanza aveva ipotizzato una vera e propria associazione a delinquere composta da persone dello stesso nucleo familiare che godevano della collaborazione di prestanome e professionisti compiacenti. Secondo gli inquirenti il meccanismo fraudolento prevedeva la richiesta di somme a titolo di mutuo agevolato vincolate al pagamento di debiti erariali maturati nel periodo precedente al sisma.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche