Martedì 06 Dicembre 2016 | 01:46

TRUFFA PER OTTENERE I SOLDI DEI TERREMOTATI

Operazione della Guardia di Finanza: notificate misure cautelari a nove persone, sequestrati 4,3 milioni


Hanno ottenuto 6 milioni e 500 mila euro di aiuti pubblici per il terremoto, ma loro con il sisma non c’entravano niente. Era tutta una truffa. Sono nove le persone coinvolte nella operazione andata in scena questa mattina ad opera della Guardia di Finanza di Modena: una è stata arrestata, quattro sono ai domiciliari, per altre quattro è scattata l’interdizione alla professione, mentre tra beni mobili e immobili le Fiamme Gialle hanno sequestrato 4 milioni e 300mila euro, più altri 2 milioni che sono stati bloccati presso l’Inps. E’ proprio dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale che è giunta la segnalazione da cui è partita l’indagine, coordinata dal sostituto procuratore di Modena Francesca Graziano. Gli inquirenti ipotizzano una vera e propria associazione a delinquere composta da persone dello stesso nucleo famigliare che godevano della collaborazione di prestanome e professionisti compiacenti. Successivamente al terremoto, i protagonisti della frode avevano simulato il trasferimento di società loro riconducibili presso immobili di pregio situati all’interno del cratere sismico. Il meccanismo fraudolento prevedeva la richiesta di somme a titolo di mutuo agevolato vincolate al pagamento di debiti erariali maturati nel periodo precedente al sisma. Ma i soldi venivano utilizzati per pagare i fornitori o per attuare artifici contabili. Ci sono voluti mesi di indagine per incastrare la banda che speculava sugli aiuti alle popolazioni terremotate. L’operazione è stata ribattezzata dalla Guardia di Finanza Earthquake, che in inglese significa proprio sisma.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche