Giovedì 08 Dicembre 2016 | 08:52

MASERATI, SCIOPERO FIOM: ABBANDONATI DA MODENA

“Sindaco, assessori e Bonaccini: solo dichiarazioni di facciata, ma nessun impegno concreto”


Due ore di sciopero e, per la prima volta, attacchi diretti anche alle istituzioni modenesi, colpevoli di “non esserci, a dispetto delle dichiarazioni di facciata”. Alla Maserati di Modena va in scena la protesta della Fiom: le tute blu della Cgil continuano a manifestare preoccupazione per il futuro dello stabilimento di via Ciro Menotti, dove da febbraio si fa ricorso alla cassa integrazione. Le parole pronunciate lo scorso giovedì a Modena dall’amministratore delegato di Fiat Chrysler Sergio Marchionne hanno tutt’altro che tranquillizzato i lavoratori: il manager ha ribadito che nella fabbrica modenese non sono sostenibili gli alti volumi produttivi che caratterizzano il nuovo corso del Tridente. Per la Fiom, dunque, ben che vada, lo stabilimento è destinato a produrre solo le Alfa Romeo 4C. Il che rischierebbe di avere un forte impatto sull’occupazione.

Intervista a Mino Carrozzo, Delegato Fiom Maserati Modena, e Cesare Pizzolla, Segretario Fiom Modena

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche