Mercoledì 07 Dicembre 2016 | 23:12

VIA ARGIOLAS, ANCORA UNA ROULOTTE IN FIAMME

Secondo episodio nel giro di un mese nello stesso punto: prende quota l’ipotesi della faida interna alla comunità sinti di Modena


Roulotte carbonizzata in via Argiolas: un mese dopo, ci risiamo. E prende sempre più quota l’ipotesi della faida interna alla comunità nomade di Modena. Come già avvenuto il 21 febbraio scorso, ieri sera una roulotte senza a bordo nessuno è stata data alle fiamme nello spiazzo di terra aperto che si apre dietro via Contrada. Il ripetersi dello stesso schema non può che far pensare a due episodi collegati, da attribuire con ogni probabilità ad un regolamento di conti. Sono in corso indagini. Gli inquirenti, al momento, non fanno nessuna ipotesi, ma in questo inizio di 2016 la comunità nomade modenese è finita più volte al centro delle cronache locali. Dal pestaggio ai danni di un membro della famiglia Ahmetovic al nuovo insediamento osteggiato dai residenti, e poi anche dal Comune, in stradello Cave Rubbiani, vicino Collegarola, fino alla morte, per alcuni misteriosa, di Tigei Della Santina, il 30enne sinti precipitato lo scorso 5 marzo da un cavalcavia lungo l’autostrada: amici e parenti non credono all’ipotesi del suicidio. Al momento non ci sono elementi per ipotizzare connessioni tra questi episodi e i due roghi di via Argiolas. Una domanda, però, aleggia pensante: che sta succedendo nella comunità nomade modenese?

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche