Martedì 06 Dicembre 2016 | 06:55

TRAGEDIA A1, NESSUNA AUTOPSIA SU DELLA SANTINA

Nessun esame per via delle cattive condizioni del cadavere. Parenti e amici non credono all’ipotesi del suicidio


Non si farà nessuna autopsia sul corpo di Tigei Della Santina, il 29enne che ha perso la vita sabato mattina all’alba precipitando dal cavalcavia di Cantone del Mugnano che dà sull’autostrada A1. Dalla Procura gli inquirenti spiegano che le cattive condizioni del cadavere precludono lo svolgimento dell’esame. Non si indagherà ulteriormente, dunque, per risalire agli attimi che hanno preceduto il volo dal ponte. L’ipotesi del suicidio non convince gli amici e i parenti del giovane Sinti, calciatore dello Zocca, formazione del campionato Promozione. Della Santina era molto noto nella comunità nomade di tutta la regione, e non  solo. Chi lo conosce lo descrive come un ragazzo socievole: abitava con la moglie e i tre figli nella micro-area Nuova Estense. Venerdì sera era in pizzeria con la squadra. In base ai racconti, intorno a mezzanotte avrebbe ricevuto una telefonata, dopo la quale avrebbe lasciato il locale spiegando che la nonna si era sentita male. Un compagno dello Zocca racconta che più tardi, verso le 3.30, Della Santina gli avrebbe telefonato chiedendogli 50 euro in prestito: i due si sarebbero dati appuntamenti per il giorno successivo. Ma poche ore dopo, intorno alle 6, il 29enne è volato giù dal cavalcavia. Gli inquirenti restano convinti che il giovane si sia volontariamente tolto la vita. I suoi famigliari non hanno pace. Nei prossimi giorni si svolgeranno i funerali.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche